Cos’è la seconda scelta?

Premessa: 

Negli anni di attività, spesso abbiamo ricevuto domande da parte dei clienti, riguardo ai difetti che si possono riscontrare nelle seconde scelte o nelle categorie di sottoscelta in generale. 

Proprio per questo abbiamo deciso di creare una sezione apposita dove andremo ad analizzare tutto quello che potrebbe essere la difettologia delle piastrelle che potrete acquistare sul nostro sito marchiate come “seconda scelta”. 

Perché esiste la seconda scelta? 

Immaginatevi di trovarvi di fronte a un paio di scarpe o a una borsa a cui sono state erroneamente eseguite cuciture storte, anche di qualche millimetro… tutto ciò non ne pregiudica la bellezza o la funzionalità, ma il produttore, soprattutto se affermato e con un noto brand, non può permettersi di immettere nella propria rete vendita un prodotto non perfetto! 

A livello di ceramiche, la situazione è la medesima: tanto più è noto ed affermato il brand in termini di qualità e prestigio, più la “scelta” dei propri prodotti sarà accurata, e ogni minimo difetto verrà segnalato e di conseguenza il prodotto verrà “scartato”. 

Quale causa rende una piastrella di seconda scelta? 

Le cause possono essere diverse, ma non innumerevoli, tra le più comuni troviamo i difetti grafici che comprendono sia piccoli puntini in superficie, sia errori nella stampa digitale. Ad esempio il rullo non perfettamente centrato sul pezzo in fase di colorazione sul rullo o difetti di rettifica che sbeccano gli angoli (circa ½ mm di materiale). 

Quando si tratta di seconda scelta, solitamente la percentuale di scarto non supera mai il 20/25% della totalità della fornitura. Il motivo per cui anche piastrelle perfette vengono inserite nella seconda scelta è che quando si rileva il difetto si fa riferimento a gran parte del lotto produttivo, quindi l’intero lotto per prevenzione spesso viene declassato a livello di scelta.

I puntini possono essere classificati in due categorie: 

Puntini in rilievo: detti anche “buschi”, avvengono a causa di piccole perdite di polvere sottile dal tetto del forno di cottura, tale polvere adagiandosi sulla superficie della piastrella in cottura si va fondere (causa temperatura di 1300 gradi) con la superficie del pezzo, creando così un piccolo punto in rilievo. Le dimensioni di essi sono circa di 1 mm o inferiori. 

Puntini scavati: detti anche “cavilli”, si formano a causa di una errata miscela nella preparazione dello smalto, che una volta in cottura, ritirandosi, non reagisce alla perfezione al calore, creando minuscoli microfori in superficie, spesso nemmeno visibili all occhio umano. 

Come risolvere, in fase di posa, il difetto dei puntini?

Purtroppo non ci sono soluzioni che permettono di eliminare questo difetto, come specificato sopra nella grande maggioranza dei casi, non sono nemmeno visibili, se non a pochi cm dal nostro occhio e non superano mai una determinata percentuale, è un difetto definito “non grave”. 

 

 

Errore nella stampa digitale

Immaginate un nastro su cui scorrono i pezzi di piastrella perfettamente centrati, pronti ad entrare sotto le testine della stampante digitale; se per qualche motivo uno di questi pezzi si muove, entrerà sotto l’area di stampa in posizione imperfetta, e di conseguenza la grafica, verrà “storta”. 

Tutto ciò non compromette la bellezza o la funzionalità della piastrella, in quanto nella grande maggioranza dei casi, gli effetti di gres porcellanato moderni come effetto cemento, marmo o  pietra non hanno disegni geometrici, per cui se non si ha un riferimento di catalogo e una profonda conoscenza dell’articolo (come i produttori), difficilmente si noterà questa problematica.

Come risolvere in fase di posa il difetto dell’errore grafico? 

Non è un difetto da risolvere, tecnicamente non è nemmeno un difetto. Lo è solo e soltanto per il produttore, in quanto non può commercializzare una grafica differente da ciò che è proposto sul catalogo. 

 

 

Lievi sbeccature

La maggior parte del gres porcellanato selezionato e proposto sul nostro sito è RETTIFICATO, ovvero con i bordi perfettamente dritti e di uguale fattura. 

Questa lavorazione si ottiene facendo scorrere le piastrelle posizionate su un nastro, all’interno di una macchina da taglio e rettifica, che andrà a rifilare tutti e 4 i bordi del pezzo, al fine che risultino lisci, dritti e perfetti. 

Il rischio di questa operazione è che causa un forte tensionamento del materiale e, in fase di uscita del pezzo dalla macchina rifilatrice, un angolo potrebbe “scoppiare”. 

Il fatto che un angolo scoppi è sinonimo di alta qualità dell’impasto, in quanto la tensione (durezza) del materiale contrasta la forza di taglio, generando così il conseguente difetto. 

Come risolvere in fase di posa il difetto di lievi sbeccature?

La sbeccatura live si risolve stuccando la piccola superficie di angolo mancante, si tratta nella stragrande maggioranza dei casi di 1,2 millimetri che vengono ricoperti dallo stucco e che rendono invisibile il difetto guardando il pavimento da altezza uomo.

 

 

Fuori Tono

Le piastrelle fuori tono, non sono definite seconda scelta, ma sono comunque scartate dai produttori. Perché? 

Le produzioni di gres porcellanato di un solo colore possono durare giorni oppure possono essere eseguite in tempi differenti. La miscela dello smalto, l’umidità, e le temperature del forno rendono impossibile replicare perfettamente ogni volta la stessa tonalità di colore in lotti produttivi diversi, per questo i produttori utilizzano Toni Staffetta, ovvero una scala di colori (bianco in questo caso) che sono accettati dall’azienda e che possono essere commercializzati con lo stesso nome colore. 

Nel momento in cui il pezzo esce dal forno e il colore non rientra nei parametri selezionati dall’azienda, esso viene definito “FUORI TONO”; ovvero non commercializzabile nel catalogo del produttore. 

In definitiva sono prime scelte assolute che, se non si ha un reale riferimento, non presentano alcun difetto. 

Come si risolve il difetto del fuori tono in fase di posa? 

Le piastrelle fuori tono non sono definite seconda scelta, poiché non sono imperfette. Non essendoci un problema strutturale da risolvere, la posa può avvenire senza problemi. 

 

 

Lieve scalibratura

La scalibratura è quel difetto per cui le misure della piastrella hanno dimensioni differenti tra il suo inizio e la sua fine, nel lato corto o nel lato lungo.

La differenza è minima, solitamente di qualche millimetro, e comporta più attenzione nella posa. 

Avviene in fase di rettifica, causa un mal funzionamento o posizionamento del disco da taglio. 

Come si risolve in fase di posa il difetto di lieve scalibratura? 

Questo particolare difetto si risolve con una necessaria maestria da parte del posatore, solitamente si sceglie la soluzione di una posa “sfalsata” o “a correre” in modo da aggiustare e rendere le linee di fuga dritte, il problema e per lo più sui formati quadrati, in quanto essendo di lati perfettamente uguali rischiano di essere più difficoltosi in fase di posa se presentano questi problemi. 

 

 

Conclusioni 

Partendo dal presupposto che lo scarto massimo di una seconda scelta si attesta attorno al 20% max 25% della totalità della fornitura, ma che il prezzo di tale è scontato di circa l’80% sul prezzo di listino, la seconda scelta rimane sempre molto conveniente. 

La massima convenienza però si ottiene su prodotti che a listino sono molto costosi, in quanto si riesce a pagare un prezzo irrisorio in base a ciò che si acquista e, con le giuste accortezze, si possono ottenere risultati di alto livello, con investimenti economici pari a quelli sull’acquisto di materiale scadente in prima scelta. 

La nostra azienda si è sempre impegnata nel selezionare materiali di gamma alta proprio per questo motivo.

PERCHÈ SCEGLIERCI
CAMPIONI
Richiedi uno o più campioni per i prodotti che hai visto per toccare con mano la qualità di quello che stai per acquistare
QUALITÀ OLTRE AL PREZZO
Selezioniamo per voi solo prodotti di altissima qualità acquistati dalle migliori ceramiche del distretto di Sassuolo
SERVIZIO CLIENTI
Contattaci per avere ulteriori foto e video dei prodotti o per avere informazioni sullo stato del tuo ordine
SPEDIZIONI
Servizio di consegna con assicurazione full risk fino a 10.000 €/pallet e tempi di consegna medi di 5-10 giorni lavorativi
PREVENTIVI
Contattaci per un preventivo su misura: talvolta a secnda della quantità acquistata potrai ricevere uno sconto sulla tua fornitura
Codice Copiato
Buon Acquisto su TopStock.it!
Codice Copiato
Buon Acquisto su TopStock.it!
Utilizza nel carrello questo codice per avere uno sconto del 10% valido su tutti i prodotti!
* Gli ordini verranno evasi a partire dal 1 settembre.
Copia il Codice Sconto
Il codice scade il 31 agosto!

AGOSTO21

Utilizza nel carrello questo codice per avere uno sconto del 10%
valido su tutti i prodotti! *
* Gli ordini verranno evasi a partire dal 1 settembre.
Copia il Codice Sconto
Il codice scade il 31 agosto!

AGOSTO21

×